Si va a Gara 5. Il campionato di Serie C sembra non avere davvero mai fine: Aosta è ancora viva, vince anche la seconda gara tra le mura amiche e rimanda la decisione sulla permanenza in C all’ultima e decisiva sfida. Le due squadre si affronteranno per la quinta volta domenica 7 giugno al Cena, con palla a due alle ore 18: e questa sarà davvero l’ultima volta in stagione.
Che non sarebbe stata una grande serata, lo si è capito dai primi due possessi valdostani: due palloni a Chenal, due fischi generosi e Tampellini di fatto messo fuori dalla partita. Il centro dei padroni di casa, sancita la sua intoccabilità, prende gradualmente fiducia nel corso della gara, fino a diventare immarcabile con 15 punti consecutivi tra fine terzo e inizio quarto periodo, compresi due canestri dall’arco. Prima, pur non giocando la migliore delle partite e difendendo solo a corrente alternata, la Rgi era stata in grado di allungare fino al +11 (37-48 al 27′), spinta da una bella prova offensiva di Cambursano. Poi la zona e la box and one dei padroni di casa complicavano le letture offensive dei letterini, che nel frattempo avevano anche smarrito la via delle triple (sei nei primi 20′, sette alla fine). Dove non arrivavano le palle perse banali, gli errori su tiri comodi e qualche fischio un po’ così (27 falli a 14, 12 liberi tirati contro 33), ci pensava l’energia di Polin, 43 anni e mille palloni toccati in difesa e a rimbalzo in attacco. Al 37′ il tabellone diceva 61-61: Aosta ha più esperienza e sbaglia meno, gli eporediesi non indovinano più una scelta ed escono sconfitti.

Play-Out Serie C
Gara 4
Aosta-Lettera 22 64-62
(22-17, 29-34, 47-50)
Aosta: De Riccardis 13, Gasperin 4, Polin 2, Chenal 33, Cosentino 8, Maglione 4, Marsilio, Kratter ne, Dian ne, Capriglione ne. All. Ranuzzi
Lettera 22: Aronica, Gillio Tos 2, Monfroglio, Tampellini 6, Cambursano 20, Stodo 16, Ferraris 1, Ramella 5, Fancelli 6, Castello 2, Tahir 2, Saccomani. All. Cossavella
Serie: 2-2